Perchè ho inventato l’ideometro

Letteralmente “misuratore di idee”, l’ideometro è lo strumento che mi ha convinto ad aprire finalmente questo blog. Perché lo considero così importante?


“Ho un’idea.” Non è facile conviverci. Perché le idee sono affascinanti. Le osservi da lontano e vuoi farle tue. Brillano di luce propria. Quello che vorrei fare è correre verso di loro. Stringerle. Farle mie. Quando ne vedo una mi trasformo in una gazza ladra. Sbatto le ali con vigore e scendo in picchiata. Sono abituato a sbattere la testa. Non è così facile prendere al volo qualcosa di così sfuggevole.

Con il tempo ho dovuto imparare a categorizzarle. Non tutte sono buone. Anzi, alcune sono davvero pessime. Altre invece sono ottime, ma semplicemente arrivano nel momento sbagliato. La maggior parte delle idee non hanno mai il giusto tempismo. Arrivano troppo presto e le lasci andare via. Arrivano troppo tardi e diventano inutili. Con il tempo ho capito che la maggior parte di esse richiedono semplicemente un grado di conoscenza che in quel momento non mi appartiene. Quelle idee sono le più preziose e le conservo fino al giorno in cui potrò davvero farle mie.

Non posso però ignorare che, quando parlo delle idee che girano nella mia testa, queste abbiano un grado di comprensione molto diverso a seconda della persona che si trova a valutarle. Potrei parlare di qualcosa di grandioso ed essere completamente frainteso o non capito. Similmente potrei dire qualcosa di davvero stupido ed essere preso per un genio. Perché ci vuole poco a ingannare qualcuno se tu e lui vi trovate su due pianeti differenti.

L’ideometro nasce per misurare le distanze tra me e chi mi legge. Non tutto quello che dirò sarà accessibile facilmente. Questo perché, come vedremo in seguito, l’informazione se alterata troppo rispetto alla sua complessità iniziale rischia di perdere il suo valore comunicativo. Tuttavia non volevo rinunciare a rendere questo posto un luogo accessibile a tutti. A dirla tutta volevo che fosse esattamente il posto di chi non si sente parte del mondo tecnologico.

Non possiamo allontanare la tecnologica dalla nostra vita. Non ci resta che imparare a conoscerla, senza fretta. Ma riducendo il rischio di annegare nelle nostre stesse creazioni. Parleremo della tecnologia a 360°. Non preoccuparti, sarai in grado di muoverti benissimo all’interno di questo pianeta. Ma ricordati di seguire le indicazioni.